Gatto al mare

Gatto in vacanza al mare o in montagna? Come farlo sentire a casa

Portare il gatto in vacanza con sé o lasciarlo alle cure di un parente o di un’apposita pensione?
Questo è il dubbio che da sempre attanaglia noi padroni di piccoli pelosetti, in bilico tra la volontà di avere il proprio gatto sempre con sé e il pensiero che sia meglio non portarlo lontano dalle sue abitudini.

Sappiamo che i gatti sono animali tendenzialmente abitudinari, che amano la consuetudine e non apprezzano troppo le novità. Questo però non significa che non possa essere portato al mare o in montagna per fargli trascorrere le vacanze insieme a noi! Per andare in vacanza con il gatto, ciò che è essenziale fare è preparare la sua valigia: esatto, una valigia solo per lui. Nella valigia del gatto inserite tutto ciò che lo fa stare bene e che potrebbe aiutarlo a sentirsi come a casa propria: le sue ciotole, il suo gioco preferito, il cibo che è abituato a mangiare, il trasportino in cui è solito viaggiare. Tutte queste piccole attenzioni aiuteranno il nostro micio a sentirsi più tranquillo, anche se non possiamo assicurarvi che inizialmente non soffra per non essere a casa sua.

Il gatto in vacanza al mare: cosa portare e quali precauzioni adottare


Se la nostra meta è una località di mare, è indispensabile prestare estrema attenzione al caldo estivo: il nostro gatto, al mare, deve sempre stare in zone d’ombra e, quando la temperatura si fa particolarmente intensa, dobbiamo provvedere ad aiutarlo con panni ed acqua fresca.
Prima di partire, specialmente se abbiamo scelto di soggiornare in hotel, è buona norma informarsi: si tratta di un hotel pet friendly? Ci sono aree dedicate agli amici a quattro zampe? La spiaggia convenzionata accetta animali? Esatto: il gatto può essere portato anche in spiaggia, tenendolo sotto all’ombrellone e stando attenti ai suoi movimenti.

Portare il gatto al mare con noi sarà un modo per rafforzare il nostro legame con lui, facendo nuove esperienze insieme, e sarà anche salutare per il nostro micio! L’aria marina infatti, esattamente come sugli umani, essendo ricca di iodio, potassio e magnesio è un vero e proprio toccasana per la sua salute, soprattutto se soffre d’asma.

E portare il gatto in montagna? Anche questo è possibile!


Se la nostra meta di quest’anno sono i monti, anche in questo caso possiamo scegliere di portare il gatto in vacanza in montagna con noi! Se il nostro gatto è molto attivo, sarà felice di accompagnarci in lunghe passeggiate ed escursioni nei boschi: lo vedremo curiosare nell’erba, saltare da un albero all’altro e scodinzolare felice.  Importante in questo caso è però portare con noi anche un guinzaglio: è vero, siamo sempre stati abituati a vedere solo i cani al guinzaglio, ma è l’unico modo per essere sicuri di non smarrire il nostro micio ed evitargli qualche spiacevole incidente. Prima di partire, è opportuno fargli imparare questa nuova modalità di passeggiata: solo così sarà pronto a seguirvi ovunque.

Le vacanze migliori sono quelle passate in compagnia di chi si ama: e noi amiamo i nostri gatti!

No Comments

Post A Comment