Genetica

GENOTIPO – FENOTIPO

Alla base della genetica di razza del gatto certosino c’è il genotipo: è la completa traccia genetica di un individuo o l’insieme delle istruzioni per progettare un essere vivente. Il fenotipo è la parte del genotipo che si esprime realmente in un individuo. Questa parte viene chiamata insieme di caratteri “visibile”. Un semplice esempio per spiegare la differenza tra genotipo e fenotipo: Gruppi sanguigni A, B, AB. Il genotipo può essere un fenotipo / b è quindi A. Il genotipo può essere b / b fenotipo sarà B. Il genotipo può essere b / b fenotipo sarà B.

 

ALLELE DOMINANTE E RECESSIVO

Gli alleli sono versioni differenti di un gene. Esiste, ad esempio, il gene per la “lunghezza dei capelli” o per altre caratteristiche. Il gene per il “sangue” sono (al momento!) gli alleli A B e AB. Un essere vivente può avere solo due alleli per lo stesso gene, dove un allele è contribuito dal padre e uno dalla madre. Un allele è detta dominante se si esprime qualunque sia il secondo allele. Ad esempio, l’allele del gruppo sanguigno A è dominante rispetto agli alleli B e AB. Un allele viene chiamato recessivo quando deve essere associato con il suo allele corrispondente a esprimersi, per esempio, l’allele b gruppo sanguigno.


COEFFICIENTE DI CONSANGUINEITÀ

Il coefficiente di consanguineità teorica di un gatto, o qualsiasi essere vivente, per ogni gene rappresenta la probabilità che due alleli siano in comune con un antenato. In pratica, questo coefficiente viene calcolato facendo tutti gli antenati comuni di un individuo. A seconda del grado di rapporto osservato, si definisce la probabilità teorica che gli alleli siano appartenenti allo stesso individuo.La combinazione di queste probabilità forma quindi il coefficiente di consanguineità.

 

UTILITÀ DELLA CONSANGUINEITÀ NEL BESTIAME

La consanguineità è necessaria per definire le caratteristiche di una razza all’interno della stessa specie: quindi non aspettatevi un gatto di razza a 0% di consanguineità, perchè tutte le linee hanno origine da una manciata di gatti (i fondatori). Le autorità veterinarie consigliano di non superare il 25%, tranne in rari casi, dove è possibile superare questo tasso nell’ambito di un piano di allevamento. Abbiamo visto che inbreeding è il risultato di un accoppiamento tra due gatti che hanno antenati comuni. Di conseguenza, questo significa che due gatti di linee inbred, ma molto diverse, una volta trovati, danno alla luce gattini consanguinei. Come parte di un allevameno, gli accoppiamenti devono tener conto sia delle caratteristiche che dei coefficienti di consanguineità dei genitori per evitare di impostare troppe funzioni nello spazio con lo standard di razza. In effetti, il matrimonio tra due gatti consanguinei aumenta la probabilità di trasmissione dei caratteri fisici dai genitori ai figli. Essa dovrebbe inoltre mettere a tacere il malinteso che spesso sentiamo, un incrocio ad alta consanguineità non crea difetti genetici, e servirà, nel peggiore dei casi, ad evidenziare quelli già esistenti!

 

EFFETTI NEGATIVI DELLA CONSANGUINEITÀ

Importante da considerare nella genetica di razza del gatto certosino. Diminuzione della diversità genetica, indebolimento del sistema immunitario. La degradazione è più o meno pronunciata a seconda dell’individuo e del contesto ambientale (vita all’interno, all’esterno, in contatto con altri gatti) agendo sulla pressione di infezioni. Questo è chiamato immunosoppressione. Cucciolate ridotto a uno o due gattini, peso basso alla nascita, mortalità neonatale significativo. Malformazioni delle mascelle, denti non allineati che si sovrappongono, deformazione del naso, gli occhi gli investimenti asimmetrico, criptorchidismo, monorchidie, difetti cardiaci, palatoschisi. Allattamento debole o insufficiente cucciolate diverse. Chatta con morfologia più slanciata.

 

EFFETTI POSITIVI DELLA CONSANGUINEITÀ

Omogeneità gamme Determinazione delle caratteristiche fisiche perdita di diversità genetica che è stato classificato come negativo, può anche essere impostato positivo. Infatti, in alcuni casi, la scelta di un buon misti può eliminare malattie genetiche eliminando alcune alleli difettosi. La consanguineità non deve essere agitata come uno spaventapasseri. Si tratta di uno strumento di selezione indispensabile effettuare una fattoria. L’allevamento non si limita ad un maschio e una femmina insieme e distribuire i gattini, a mio parere, la passione, l’amore e la razza è più essenziale. Si tratta di tre questioni interdipendenti: L’investimento di tempo e conoscenze. Responsabilità nei confronti della gara stessa. Un impegno nei confronti dei futuri acquirenti di cuccioli. Un gatto di razza pura i soldi i costi e non è necessariamente facile, gli allevatori hanno il dovere, dunque, affidare un gattino in buona salute, che soddisfano i criteri di razza e di tutto per iniziare una lunga vita.

 

GRUPPO SANGUIGNO

Il nostro sangue è composto da globuli rossi, globuli bianchi e plasma. I globuli rossi sono portatori di ossigeno e il loro benessere è fondamentale per la vita. I globuli rossi, come gran parte degli altri componenti del sangue, sono formati da proteine che possono essere riconosciute e distrutte dal sistema immunitario corporeo. Il gatto, in linea generale, ha due gruppi sanguigni: A e B (anche se, raramente, c’ è ance un terzo gruppo, AB, che è una combinazione dei due gruppi precedenti). Le proteine dei globuli rossi sono A in un gruppo e B nell’altro (cfr. figura 1). In effetti, anche se le proteine sulla superficie dei globuli rossi dei tipi A e B sono solo leggermente diverse, naturalmente, il sistema immunitario è in grado di rilevare queste piccole differenze. Come è noto, se ci si deve sottoporre a una trasfusione sanguigna, è necessario avere a disposizione lo stesso tipo di sangue, in quanto una trasfusione con un tipo di sangue diverso potrebbe portare alla morte, e questo vale anche per i gatti. Il sistema immunitario del gatto o di un essere umano che riceve una trasfusione sanguigna reagisce al sangue che viene considerato “estraneo” e le conseguenze potrebbero essere fatali. Queste erano tutte le caratteristiche fondamentali riguardanti la genetica di razza del gatto certosino.